ATLETI, Biografie, Citazioni, RIO 2016
comments 2

Veronica Yoko Plebani

Veronica Yoko Plebani nasce a Gavardo in provincia di Brescia il 1 marzo 1996. È una canoista e snowboarder paralimpica italiana.

Fin da bambina pratica diverse discipline sportive tra cui danza, ginnastica artistica, atletica e snowboard a livelli amatoriali. Il 27 aprile 2011 Veronica contrae una meningite fulminante di tipo C alla quale sopravvive riportando la perdita delle falangi di mani e piedi. Ma il suo amore per lo sport è più forte.

Nel 2011 appena uscita dall’ospedale partecipa alla maratona di New York, e nel 2012 conquista il primo posto nei Campionati Italiani junior di Paracanoa nella prova di K1 TA discesa classica fluviale 2000 mt.

Nel 2013 sempre ai Campionati Italiani junior di Paracanoa conquista il primo posto nelle discipline K1 TA mt.3000, K1 TA maratona, K1 TA 200 mt, K1 TA 500mt e K1 TA 1000 mt.

Leggi anche...  Assunta Legnante: "Io che non devo dimostrare niente a nessuno"

Nel 2014 vince una medaglia d’oro alla Tappa di Coppa del Mondo di Milano e agli Europei di Brandeburgo, in Germania. Ma il 2014 è davvero un anno da ricordare per Veronica Plebani che partecipa anche ai XI Giochi paralimpici invernali di Sochi.

Ed é il quinto posto raggiunto nella finale del K1 KL3 200m ai Mondiali di Canoa e Paracanoa di Milano nel 2015 che le fa guadagnare il pass per le Paralimpiadi di Rio 2016.

Il 2016 si è dimostrato da subito un anno importante per Veronica che ha conquistato la medaglia d’oro ai Campionati Assoluti Nazionali Italiani, nei 5000 mt e ai Mondiali di Duisburg (Germania) ha sfiorato il podio, guadagnando un quarto posto.

Il 15 settembre Veronica conquista la sesta posizione nel KL3 nelle finali delle Paralimpiadi di Rio 2016, dopo essersi qualificata seconda in batteria il giorno 14, alle spalle solamente della britannica Anne Dickins, vincitrice dell’oro.

Condividi:

2 Comments

  1. Pingback: La fatica è l’unica risposta - Games Anatomy

  2. Pingback: Mai perdere di vista le persone - Games Anatomy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *