ATLETI, Biografie, RIO 2016
comment 1

Arjola Trimi

Arjola Trimi nasce a Tirana in Albania, il 15 marzo 1987. È la nuova atleta emergente del nuoto Paralimpico Italiano, compagna di squadra di Federico Morlacchi.

Arjola è affetta da tetraparesi spastica degenerativa, motivo per il quale in acqua tenderebbe ad affondare e ad avere freddo, mentre vince medaglie da diversi anni. Amante dello sport sin da piccola, prima del nuoto ha praticato karate, pallacanestro e atletica leggera. Con l’aggravarsi della malattia si trova costretta ad abbandonare queste discipline ma non smette di riempire la sua vita con lo sport. Si avvicina quindi al nuoto paralimpico, anche con una finalità terapeutica.

Dal 2011 nuota a livello agonistico e dal 2012 gareggia nella specialità stile libero categoria S4 per l’US Brianza Silvia TremoladaDegne di nota sono le sue partecipazioni ai Mondiali di Nuoto Paralimpico a Montreal nel 2013 e a Glasgow nel 2015 dove si porta a casa complessivamente cinque medaglie, di cui: due bronzi, due argenti e un oro ottenuto nella finale dei 50 dorso a Glasgow.

Il 2016 per Arjola inizia in positivo, ai Campionati Regionali Lombardi di Busto Arsizio nuota nei 100 stile libero e registra il nuovo Record Mondiale con il crono di 1’28”30 e agli Europei di Nuoto Paralimpico di Funchal (Portogallo) si aggiudica l’oro ed il Record del Mondo nei 100 e nei 200 stile libero S4, un altro oro con Record Europeo nei 50 stile libero S4 e un argento nei 50 dorso S4.

Il 13 settembre Arjola scalda la gara dell’Aquatic Stadium di Rio nella quinta giornata delle finali paralimpiche del nuoto. Conquista in gara la quinta posizione in categoria 150 misti SM4, stabilendo il record italiano di 2’57”91, con un tempo per la prima volta sotto i tre minuti nella gara più completa.

Condividi:
Leggi anche...  Francesca Porcellato

1 Comment

  1. Pingback: Sono un'atleta, non sono la mia malattia - Games Anatomy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *